racconti

Scrivi il tuo racconto erotico

Se vuoi inserire il tuo racconto erotico in questa pagina,  basta scriverlo nella casella dei commenti.

Comments


Sara

  • Posted 6 years ago
Ieri sera la mia fantasia più sexy si è avverato. Invece di essere soddisfatto, tutto quello che volevo era di più! Ho galleggiato attraverso la mia giornata di lavoro in una nebbia, incapace di concentrarsi su nulla, tranne il ricordo di guardare mio marito succhiare nostro figlio a raggiungere l'orgasmo. Non vedevo l'ora di andare a casa e gioco con i miei ragazzi un po '.
Mio marito Don tornato a casa mentre ero sotto la doccia e mi raggiunse sotto il getto caldo. Le sue mani erano tutte su di me - era emozionato come me.
"Rimpianti?" Gli ho interrogato.
"Nessuno a tutti. Hai visto come sono stato nervoso all'inizio, ma non voglio mentire, una volta che il nostro gallo ragazzo era nella mia bocca mi è piaciuto molto. Molto più di quanto mi aspettassi."
"Voi due sembrava così caldo. Non ci credereste quanto ho fatto io cum guardare."
"Quando è arrivato nella mia bocca è stato uno shock, ma non posso smettere di pensare a quella sensazione di sentirsi la testa del suo cazzo gonfiarsi solo davanti a tutti il ​​suo tiro sperma sulla parte posteriore della lingua. Ero un po 'fuori di testa a il tempo, ma l'unica cosa che riuscivo a pensare ad oggi è stato degustazione suo sperma ancora. "
"Non hai idea di come cornea mi sta facendo sentire dire."
"Allora cosa stai aspettando. Esci e farlo scaldare per noi".
Stavo pensando di nuovo di indossare il corsetto stasera, poi ha deciso che non valeva la pena. Mi diressi verso il corridoio alla stanza completamente nudo di Evan. Sua porta era aperta quando sono arrivata e lui era sdraiato sul suo letto, già nudo pure.
"Le grandi menti pensano allo stesso modo", come ho detto ho fatto un passo dentro ho preso un momento per posare sulla porta per lui. Le mie mani sui fianchi, testa a testa girato un po 'verso di lui. Mi piaceva il modo in cui mi guardava con disinvolta, lussuria giovanile. "Il cantiere sembra grande, tra l'altro".
"Allora me lo lascerai fare gustare laggiù?"
"Tuo padre sta andando a voler vedere che, così quando arriva qui si mangia la mia figa." Sorrise come se avessi appena detto di lui Santa stava portando tutto sulla sua lista di Natale. "Siete tutti puliti?"
"Sì! Ho anche lavato il mio culo due volte."
"Show me", ho chiesto con un sorriso birichino. Come la notte scorsa ha tirato le gambe su e diffondere le guance. "Hmm, non posso dire se davvero fatto un buon lavoro da più di qui. Capovolgere sulle mani e sulle ginocchia e mi guarda."
Era veloce per conformarsi, e in un lampo era a quattro zampe con la sua focacce carino puntato verso di me. Ho fatto un passo oltre e diffondere le guance me stesso aperto. Non aveva tutti i capelli a parlare di laggiù, a differenza di mio marito, ed era pulito come un fischietto. Mi chinai e ha dato il suo pucker una leccata.
"Mamma!? Hai appena leccare il culo?"
"Certo che ha fatto, il miele. Com'è stato?"
"Non lo so, non ero pronto. Fallo di nuovo."
I incastri il suo stretto stronzo poco di nuovo, spendendo più tempo leccare e sondare il culo.
"Beh?"
"Quella era freakin 'impressionante, mamma!"
"Hai mai giocare con il tuo culo prima, come quando si sta masturbando?"
"No, non proprio."
"Sì", ho confessato a mio figlio. "A volte quando sto masturbarmi ho messo il dito nel mio culo". Io sputo sul suo buco, bagnato il mio dito, poi delicatamente infilò nella sua testa. "Tuo padre ama mettere il suo pene nel mio culo a volte." Evan era tranquilla come ho continuato a esplorare il suo buco del culo con il dito, spingendolo più profonda e applicando la pressione alla sua prostata. "Ci sono tutti i tipi di modi in cui possiamo far sentire bene l'un l'altro, e non c'è niente di cui vergognarsi quando condividiamo queste esperienze con le persone che amiamo".
Ho tirato fuori il mio dito e gli diede uno schiaffo sul sedere. Si girò e si sdraiò, il suo grande cazzo duro a tutto schermo, e facilmente raggiungibili. Non ho potuto resistere prenderlo in mano.
"Grazie, mamma, che sentiva bella."
"Io gioco con papà là dietro, anche. Lui piace quando mi infilo le dita in lui, e le cose a volte più grande." Ho guardato gli occhi di Evan andare largo, poi si chinò e baciò la punta del suo pene. "Sembrava che ti è piaciuto avere tuo padre succhiare il pene ieri sera."
"Sì". Ha ancora riuscito ad arrossire, anche se lui era nudo e sua madre stava giocando con il suo cazzo. "E 'difficile da spiegare E' stato fantastico quando lo facevano, ma era quasi più emozionante quando papà lo ha fatto -.. E non perché era bravo a farlo credo perché mi sembra normale per una ragazza di succhiare un pene, ma vedere mio padre proprio non si trattava di qualcosa d'altro. "
Ho preso mio figlio cazzo in bocca e poi ha iniziato lo succhia. Non era quello che avevo previsto, ma non ho potuto resistere. Prima che io possa davvero andare avanti ho sentito la voce di Don.
"Ehi, ragazzi a partire senza di me?"
Alzai lo sguardo e lui era sulla porta nudo, non perdere tempo con una veste sia stasera. Il suo cazzo era duro e pronto all'azione. Ci ha aderito il letto matrimoniale piccolo Evan, e mi sono chiesto se avrebbe retto alla pena che potevano dare.
"Ti dispiace se ho tagliato in?" Don chiesto, e si servì per la bocca piena di nostro figlio.
"Ehi, papà, bello da vedere anche voi" Evan ha scherzato.
Il mio cuore era tutto svolazzante di nuovo come la prima volta. Mi sdraiai accanto a mio figlio e gli diede un affettuoso bacio sulle labbra. Ho guardato giù e ha la stessa vista come Evan. Abbiamo visto il suo padre bob su e giù sul suo albero. Alzai il ginocchio e giunta fino a me stesso dito, mentre io guardavo. Don tirato via da Evan cazzo per un momento di chinarsi e di dare la mia figa un smooch e un lecca coppia, prima di tornare al pompino.
"Parla con me, baby. Tuo padre sta succhiando il pene."
"Egli è. Il mio cazzo è in bocca di mio padre. Non posso credere Sono nudo con i miei genitori e fare sesso con te".
"Vogliamo farti felice, tesoro."
"Sono proprio felice oggi. Vi amo ragazzi così tanto. Mi piace vedere la tua figa, mamma. E io amo cazzo di papà. Mi sentivo così bene a fanculo, e sperma in voi».
"È stato bello anche per noi." Ero sul punto di Cumming e costretto la mia mano dal mio clitoride. E 'stato un giro a sentire mio figlio dicendo quelle cose. "Tieni duro voi due," Don accarezzai sulla testa per attirare la sua attenzione. "Mi si vuole scopare me, mentre si succhiano Evan off".
Ci è voluto un minuto per capire i meccanismi - questa cosa terzetto è stato più difficile di quanto sembrava. Siamo finiti sul pavimento con mio marito sulle spalle e mi ha montato su di lui. Mio figlio era sulle sue mani e le ginocchia di fronte a me, con il calcio che punta a modo mio, e il suo cazzo penzoloni in bocca di suo padre. Ho avuto un cazzo nella mia figa, e una visione perfetta di un altro cazzo in bocca di mio marito. Ero in paradiso.
"Ok, ragazzi, che sta andando a cum prima?" I ridacchiò e siamo andati tutti a questo. Siamo stati insieme in movimento come una macchina ben lubrificata. Don non poteva muovere la testa facilmente, così Evan è stato accuratamente spinta dentro e fuori dalla bocca di suo padre. Mio marito era molto più rilassato questa volta e si stava dentro, slurping e gemendo e realmente succhia via.
Sentivo il mio orgasmo si avvicina e indietreggiò un po ', volevo salvarlo per il momento giusto. testa di mio figlio era dimenando proprio davanti a me e sono andato dentro per un'altra visita. Ho bloccato la mia lingua nella sua Butthole e preso è bello e bagnato. I indietreggiò e si infilò un dito ancora lì, e poi l'ho portato su una tacca e ha aggiunto un secondo. Evan gemeva un po ', ma non protesta.
"Ho due dita nel culo di tuo figlio, tesoro," ho informato mio marito e si lamentava di riconoscimento. "Sono dito cazzo stronzo nostro ragazzo, mentre si succhiano il cazzo."
"Mamma, ho intenzione di sperma! Ho intenzione di venire in bocca di papà!"
"Vai avanti, baby, rendere il vostro papà mangiare il tuo sperma". Ho sentito il suo ano stretto stringere intorno alle mie dita come il suo corpo flesso. Ho guardato sotto e Don aveva aperto la bocca così ho potuto vedere cum Evan abbattuto sulla sua lingua. Sembrava così sexy.
Ho guardato come mio marito swished lo sperma fresco in giro in bocca poi inghiottire a poco a poco. Questo era il mio momento, e ho spinto giù duro sul suo cazzo e innescato il mio orgasmo. Come sono arrivato ho preso cazzo di Evan e spinto indietro nella bocca di mio marito e la tenne lì, mentre le onde del piacere si precipitò attraverso di me.
Don batteva dentro di me, intento a suo orgasmo proprio adesso, ma avevo in mente qualcos'altro. E 'stato crudele, ma ho subito tirato fuori e lo ha lasciato humping vuoto.
"Che è successo, Dove il vostro pussy andare?" Era confuso e frenetico. Ho dovuto tenere i polsi per impedirgli di afferrare il suo pene e la finitura si spegne.
"Evan," ho detto. "Mi hai detto che volevi succhiare un gallo, un giorno. Che ne dici oggi?"
Mio figlio si voltò e contemplato cazzo di suo padre.
"Credo che papà se può farlo, lo posso fare anch'io"
"Io non voglio che tu faccia questo se non sei pronto," gli dissi.
"Io voglio. Voglio papà di farmi succhiare il cazzo di lui. Voglio sentire cosa vuol dire avere il suo pene nella mia bocca, mamma."
Abbiamo guardato mio marito. Sembrava come se fosse la liquidazione per un commento smart-Aleck, poi ci ripensò.
"Evan, significherebbe molto per me se hai preso il mio cazzo. So che questo è tutto strano e nuovo per voi, ed è lo stesso per la tua mamma e me, ma noi vi amiamo e siamo orgogliosi di te. Mom mi ha innescato andare, così spero che tu sia pronto per un boccone di sperma vostro vecchio! "
Ho visto apprensione Evan sciogliersi con cura le parole di suo padre, nonostante il suo commento malandrina alla fine. Ha spostato verso il basso e ha preso il pene di suo padre in mano e accarezzò sperimentalmente. Era la prima volta che ha un pene diverso dal proprio. Baciò la punta, e cominciò a leccare l'asta finita. Mi chiedevo perché era evitare di mettere in bocca.
"Posso gusto figa della mamma sul tuo cazzo, papà. E 'delizioso."
Di aver spiegato. Ero in ginocchio, a giocare con me stessa con una mano e tweaking i miei capezzoli con l'altro, che li rende lungo e rigido. Evan abbia infine trovato la cazzo di suo padre in bocca e cominciò a succhiare. Come il suo papà, era incerto e goffo all'inizio, ma lo capito rapidamente e andava a esso come un professionista in pochissimo tempo.
Tante emozioni fluivano attraverso di me, come ho visto questa scena affascinante. Vedendo mio marito in preda a piacere per mano (o bocca) di qualcun altro era qualcosa di fresco ed esotico per me. Guardando il mio diritto fiore figlio di fronte a me con ogni nuova esperienza successiva è stata così gratificante. E poi ci fu l'elemento sessuale viscerale di tutto questo. Il mio ragazzo il cazzo, cazzo di mio marito, mia fica, le mie tette, il culo, il mio buco del culo, la bocca tutti leccare e degustazione e succhiare. Dio, non ho mai voluto che finisse.
"Questo è tutto, il bambino, succhiare il cazzo di tuo padre. Riuscite a vedermi giocare con me stesso mentre guardo". Io non voglio distrarlo, ma non ho potuto trattenermi. Aprì gli occhi abbastanza per vedere me. "Ho le mie dita nella mia figa, Evan. Ti sto guardando succhiare il cazzo di tuo padre e si masturba mia fica bagnata."
"Continua a parlare, babe," Don gemeva. "Io vado a cum nella bocca il nostro ragazzo."
"Suck che cazzo, Evan. Fai la tua cum papà. Vado a farmi cum mentre ti guardo inghiottire grosso carico di papà."
Don tremava e piangeva fuori e sapevo che si trattava di girare dentro la bocca di nostro figlio. Ho schiacciato il mio clitoride con diversi colpi duri e io ero cumming, anche. Evan imbavagliato, e tossì, ma lui ha preso tutto e inghiottito ogni goccia. Mio marito grugnì con soddisfazione virile, e ho urlato di gioia entusiasta.
Evan ci guardò con un grande sorriso.
"Come devo fare?"
"E 'stato grande, Champ", disse il padre con entusiasmo e gli diede una pacca sulla spalla.
"Oh, tesoro, guarda che hai fatto il mio sperma figa così tanto. Siete stati meravigliosi".
"Grazie," Evan con travi a vista. «Mamma, posso leccare la fica ... ehm, voglio dire la tua pussy ora?"
"Si può dire figa se si vuole, il bambino," gli ho assicurato con un sorriso.
"Alcune ragazze non piace questa parola."
«Alcune ragazze non sanno cosa si perdono. Adesso vieni qui e mangiare figa di tua madre."
Mi si sdraiò sul tappeto e ha aperto le gambe per mio figlio. Ha strisciato in posizione e baciò l'interno delle cosce. Mio marito spostato dalla mia testa, in ginocchio così ho potuto prop la mia testa sul suo grembo e avere una buona visione di nostro figlio preparando a leccare una figa per la prima volta. Ho deciso di non dargli tutte le istruzioni e lasciare che lui esplorare per se stesso.
Evan diffusione me aprire con le dita, guardando la mia figa più vicino di quanto avesse mai fatto prima. I suoi occhi erano spalancati di stupore. Mi baciò qua e là, sulle labbra, sulla mia clitoride, giù vicino al mio buco. Poi mi ha leccato. Tutto il mio corpo ha preso vita con increspature di vivo piacere.
"Stai facendo bene, baby. Tua bocca si sente così bene sulla mia figa." Mi si contorceva sotto indagini orale di mio figlio e ho sentito mio marito iniziando a masturbarsi proprio sopra la mia testa.
"Come ti piace leccare figa di tua madre, amico?"
"Ha un sapore fantastico, come nessun altro al mondo. E ho ancora il gusto del vostro sperma nella mia bocca, papà, che lo rende due volte più buono." Don iniziato whacking se stesso più velocemente. Questo ragazzo davvero saputo trasformare noi su!
Evan infilò la sua lingua su nella mia figa buco, per quanto poteva. Spinse un po 'troppo e conficcò i denti dolorosamente nella mia zona più sensibile, ma anche se fa male ho avuto un brivido malvagio dalla sua fumblings innocenti. Mio figlio finalmente trovato la sua strada per il mio clitoride e concentrato lì.
Ha succhiato la mia gemma rigida come aveva l'abitudine di succhiare il mio capezzolo, quando ero lo assistevano come un bambino. Evan era fondamentalmente mi masturba con le labbra. Non è stato niente di simile il modo in cui suo padre lo ha fatto, e mi stava inviando da qualche parte sopra l'arcobaleno.
Ho sentito il mio edificio orgasmo cazzo di bocca e cominciò a mio figlio, invece di lì. Mi ha lavorato più veloce, succhia più forte come lui. E 'stato incredibile. Sono arrivato in un lento, l'onda schiantarsi che sembrava di continuare a tirare e diventare più forte con ogni secondo che passa. Non ho mai avuto un orgasmo si comportano in questo modo prima e semplicemente sono dato ad essa. Ho guidato l'ondata di euforia lungo euforico per la sua destinazione finale e si sentiva più contenuto di quanto potessi mai ricordare.
Questo è stato quando ho sentito qualcosa di caldo e terreno bagnato sul naso. Mio marito era cumming sul mio viso. Gemette e sobbalzò se stesso e più schizzata sperma sulla guancia e la fronte. Il globs ultimi sbarcati nei miei capelli.
Evan alzò gli occhi dal tra le mie gambe e rise alla vista di sua madre con la faccia coperta di sperma fresco.
"Molto divertente, Evan. Aspetta fino a quando lo fa per voi e vedremo chi ride", lo ha avvertito, e raccolse lo sperma via il ponte del mio naso lo mise in bocca.
"Lascia che ti aiuti!" Evan si arrampicò tra le gambe e leccò sperma di suo padre dalla mia guancia. Abbiamo riso tutti come lui inghiottito ogni goccia di sperma randagi Don.
Poi è stato dentro di me una volta di più. Il simpatico monello. Ha iniziato cazzo me bello e lento, a quanto pare aver raggiunto sufficiente autocontrollo per non cum dopo solo alcuni colpi. Don mosse così è stato a cavallo tra la mia faccia e ha abbassato le sue palle ben rasato nella mia bocca. Non riuscivo a vedere, ma ho potuto sentire Evan tenendo cazzo di suo padre in bocca, ancora una volta.
Siamo tutti scopato e succhiato fino Evan è venuto dentro di me, e io macinato un altro orgasmo fuori della mia figa. Don è stato più lungo. Non credo che lui cum tre volte in una notte da quando eravamo sposi. Ho succhiato le palle di mio marito e leccato il culo, mentre Evan ha lavorato il suo cazzo duro e veloce. Proprio quando pensavo che Evan rinuncerei con la mascella dolorante, mio marito è venuto ancora una volta. Evan tirato il cazzo di suo padre, della sua bocca e lo tirò su tutto il viso, e rise.
"Okay, è il tuo turno!" Egli ci ha fatto tanto leccare lo sperma fuori del suo volto, e ho avuto questo schiacciante senso di gioia della famiglia e stare insieme. Abbiamo avuto questa nuova connessione tra di noi, che era diverso da qualsiasi cosa avessi mai avuto prima.
So che può sembrare contorto a molte persone, ma è stato speciale per me.

Giuliana

  • Posted 7 years ago
Titolo:>>>>>>BUIO IN SALA:<<<<<<<

Sono bravissima a farlo, non sono certo una principiante, ma lui questo lo ignora.
L'emozione si intravede nei suoi occhi a dispetto di questo film così palloso. Vado senza fretta, e anche se volessi non potrei fare diversamente; in sala c'è gente, non molta ma c'è. Non guardo più lo schermo, ma fisso il film che sta scorrendo nel suo sguardo e sul suo volto.
La mano va, lenta e implacabile. Il pollice porta su la pelle, l'indice scorre lungo il lembo di carne che tiene la cappella. Non ho molto spazio dentro i suoi pantaloni sotto i nostri giubbotti, vorrei averne, ma non c'è l'ho e mi devo accontentare.
Sono adagiata su di lui, non credo che qualcuno abbia fatto caso al mio movimento ritmico. L'indice continua ad andare veloce sopra quel filo, lo scorro bene, so che così verrà lo stesso, mi è capitato tante volte con Francesco. Vorrei poterlo tirar fuori, stringerlo, piantare qualche colpo, vederlo e fargli una sega. Marco mi guarda, è rigido, non riesce più a seguire le immagini che si ricorrono sullo schermo.
"Marco, stasera quando torniamo a casa te lo succhio in tavernetta". - Gli bisbiglio all'orecchio.
Sapevo che sarebbe andato in trepidazione, ma allo stesso tempo sapevo che non era certo quella la sera in cui gli avrei fatto il primo pompino. L'idea deve averlo intrigato parecchio, poco importa che non si avvererà, ma questo lo ignora. E' preso, è in affanno, il dito va, cerco di impugnarlo ma non mi riesce, c'è gente. A volte stringo, faccio scivolare la pelle, ancora, ancora; pure lui scivola sulla poltrona. Mi sento bagnata, porcatroia se sono eccitata, più faccio scivolare quella mano e più aumenta la mia voglia di cazzo; vorrei farla sfrecciare la mia mano, andare al massimo, ma cerco di frenarmi. Mi guardo intorno, chissà se qualcuno si è accorto, non fa nulla, continuo a far andare la pelle del cazzo di Marco su e giù, mentre il dito si muove sul filetto di carne.
Prendo dalla borsa un kleenex, è ancora presto, ma poi non ci sarà tempo. Con calma lo faccio entrare nei pantaloni, pronto all'uso. Cerco ancora il suo sguardo, cerco di trasmettergli la mia eccitazione, la mia voglia.
"Ti ingoio tutto" - Sussurro.
Si, figurati se mi bevo la sua sborra, ma non importa, ho colpito ancora, i suoi occhi sono sbarrati, il cazzo sembra scoppiare. Muovo velocemente la pelle, sento salire i brividi, il cazzo si gonfia ancora, lui si contrae, il fiato si blocca.
Un secondo di pausa, due colpi secchi con le dita e sento il suo respiro liberarsi in un lungo e tormentato gemito, il corpo si abbandona, il fazzoletto s'inzuppa. Anche io mi stendo un po' sulla poltrona e alzo lo sguardo verso lo schermo. Mi godo questa meritata quiete.

Giuliana

  • Posted 7 years ago
Titolo:>>>>>>ILREGALO PER LUI:<<<<<<<

Due giorni fa era il suo compleanno ma io me ne sono dimenticata.
Oggi sono qui a pensare a quale regalo posso fargli e soprattutto come
posso farmi perdonare...
sinceramente un bel regalino per lui l'ho già in mente...
corro a prepararmi!
Ecco qua i sandali neri con il tacco alto che tanto piacciono a lui, e poi
cosa posso indossare? Questo è perfetto...il completo intimo trasparente con le farfalline
nere che coprono solo i punti giusti.
Suona il campanello, è lui.
Apre la porta ed io sono qui che lo aspetto. "WAW" esclama. Lascia cadere la borsa
a terra e sbatte la porta.
Mi stringe forte le braccia al collo, mi spinge al muro e mi bacia voracemente.
Un bacio appassionato interminabile che mi fa bagnare e lo fa eccitare infatti
sento il suo membro duro che spinge sulla mia fica vogliosa.
Mentre continua a baciarmi, mi trascina sul tappeto davanti al caminetto acceso,
mi tocca delicatamente, mi toglie le mutandine, mi allarga le gambe e poi le
grandi labbra ed insinua la sua lingua nella mia fica colma di umori.
Chiudo gli occhi ed inarco la schiena e vengo...ma adesso lo voglio anch'io
ed allora mi metto sopra di lui in posizione 69.
Adesso sì che mi piace, adoro il sesso orale...come è duro e come è grosso,
non vedo l'ora di sentirlo dentro di me.
Intanto glielo succhio tutto e gli lecco anche le palle e sento che con qualche spompinata
lo faccio venire. Mi è venuto in bocca, mi piace il suo succo...
Ora tocca a me, mi infila un dito dentro la fica e vengo di nuovo.
Rimaniamo per un attimo stesi sul tappeto giusto il tempo di fumare una sigaretta,
poi mi prende per mano e mi porta in camera. Lui si sdraia sul letto mentre io apro
l'armadio e prendo il vibratore che mi ha regalato ed inizio a giocare in piedi davanti a lui.
Lo prendo in bocca, lo inumidisco bene, mi allargo la fica con le dita e me lo
spingo lentamente dentro.
Come gli piace guardare mentre mi masturbo...ce l'ha di nuovo duro...
Allora continuo, un pò lo infilo dentro e un pò lo prendo con la bocca e lo spompino.
Mi avvicino al letto e mi metto a pecorina davanti a lui in modo da fargli godere da
vicino lo spettacolo.
E' eccitatissimo lo vedo da come mi guarda, sono sicura che vorrebbe fare quello che mi ha sempre
chiesto ma che io non ho mai voluto.
Corro in bagno ed in un attimo torno in camera con un tubetto di vasellina. Mi sorride
ed è felice, prende un pò di vasellina e me la spalma con il dito penetrandomi lentamente.
Mi gira e mi posiziona a quattro zampe; il suo pene è più grosso del dito, ma se riesco a
rilassarmi sono sicura che posso godere.
Mi lascio andare, lui comincia a spingere piano e poi più forte.
Ecco è entrato tutto, che sensazione strana, un pò fa male, ma il godimento è più intenso
quindi lascio che si muova dentro di me.
Adesso il dolore è sparito del tutto, sto godendo e basta e lui gode con me.
Lui viene nel mio culetto ed io inizio a colare i miei umori sulle lenzuola.
Mi giro verso di lui e gli dico che questo è il mio regalo con la speranza di
avere rimediato al mio piccolo errore!

Amministratrice

  • Posted 7 years ago
Titolo:>>>>>>COME UN FULIMINE A CEL SERENO:<<<<<<

voglio raccontarvi la storia che mi è successo come un fulmine a cel sereno. premetto di essere un cuklod e provo un piacere immenso a farmi scopare mia moglie. ma veniamo alla storia. con il lavoro che faccio non posso permettermi la settimana corta quindi lavoro pure il sabato mattina ,quindi prendo il mio scooter e mi aavio verso la ditta ,arrivato ,mi accorgo che non ho con me il cellulare indispensabile per me, avverto il titolare dell'accaduto e lui con molta gentilezza mi permette di andare a casa a prenderlo ,dopo una ventina di minuti sono a casa posteggi lo scooter e salgo le scale,ma al momento di infilare le chiavi nella serratura sento dei mugolie e bisbiglii provenire da dentro casa la cosa mi lascia al quanto sorpreso ,ma molto incuriosito,piano piano inserisco la chiave nella serratura e apro con passi felpati mi dirigo verso quei gemiti(in salotto)guardando su uno specchio che riflette proprio sul divano vedo mia moglie con uno sconosciuto che gli sta facendo un pompino maestoso e mentre lei gli lo sta succhiando per tutta la sua lunghezza e larghezza lui con il suo dito medio gli sta masturbando il suo culo cosa che a me in 27 anni non mi ha mai permesso lo sconosciuto ansimava come un cavallo con la testa leggermente reclinata su di lei elei fra una succhiata e l'altra gli sussurrava di metterglielo in culo"" dAI ANDREA FAMMI IL CULO A FRANCO NON GLI L'HO MAI DAT"" al nome andrea ho sussultato e mettendo a fuoco meglio il suo profilo ho riconosciuto il suo collega di lovoro. io sempre nascosto da un piccolo muretto che divide le due stanze continuavo a spiarli attraverso questo magico specchio.andrea con una mossa repentina gira mia moglie alla pecorina e spingendoli la testa sul divano gli infila quel suo cazzo pulsante di goduria nel suo culo per me of limits con un gemito strozzatolo prende tutto e comincia a divincolarsi e nello stesso momento inarca le sue chiappe verso di lui io nel frattempo mi stavo facendo un segone il mio sogno si è esaudito e quasi contemporaneamente abbiamo sborrato. andrea gli ha inondato le chiappe , con il suo cappellone ha spalmato tutto il suo spermma sul suo corpo.stremati si sono adagiati sul divano ed io piano piano sono uscito.il mio sogno si era avverato vorrei che rcapitasse ancora perche non mi scrivete ( non è una novella ma una storia vera al 100%)

Autore: Gibixi
Email: gianfranco383@tin.it
Regione:Toscana
Città:Firenze

Amministratrice

  • Posted 7 years ago
Titolo:>>>>>>LUI CON LEI:<<<<<<

Questa non è una storia inventata,ma il racconto di ciò che effettivamente è avvenuto a casa dei miei genitori,l’anno in cui mia zia che era residente a Torino venne a trovarci,rimanendo ospite da noi in Sicilia per circa 15 giorni.
Era una donna intorno a 35anni,tutta curve,con un seno che mi faceva sognare, le cosce che io continuamente cercavo di scrutare,ero un giovane intorno a 24anni e potete immaginare come il mio cazzo fosse sempre in tiro,sempre pronto a cercare buchi da perforare.
I primi giorni passarono quieti e pensavo che, nonostante i miei tentativi, nulla sarebbe successo.
Erano passati già 10 giorni e credetemi la sera al momento di andare a dormire mi rintanavo nella mia camera e scrutavo continuamente lei che nella stanza attigua alla mia mi spogliava facendomi intravedere due cosce superbe che portavano ad una fica invitante ma perennemente coperta dagli slip anche se trasparenti lasciavano intravedere una peluria folta che ricopriva uno spacco largo, da cui faceva capolino un clitoride pronunciato che sembrava un piccolo cazzo, in cui momenti la mia libidine mi portava quasi sempre a menarmi il cazzo turgido che viola sembrava volesse esplodere, la vedevo spogliarsi lentamente per poi rivestirsi indossando una camicia da notte trasparente da cui potevo intravedere quel corpo che desideravo ogni giorno di più.
Quella sera, il solito rituale, pensavo ora spegne la luce e addio, così fece,rassegnato mi stavo distaccando dalla mia postazione, quando vidi che accendeva l’abajiour, mi riattaccai subito allo spioncino e vidi che armeggiava nel cassetto del comodino tirando fuori un dildo nero di circa 25 centimetri.
con esso iniziò a sfregarsi la ficona che si apriva sempre di più accogliendo il dildo lungo il canale che portava dentro il suo buco che sembrava palpitare, la vidi scuotersi e vibrare, nel momento in cui puntando il dildo verso il suo buco inizio a riempirsi la carne, che cedevole si allargò accogliendo dentro il capiente ospite, essa vibrò allargando ancora di più le cosce e con un potente colpo fece sparire dentro di se l’oggetto, per poi fuoriuscirlo piano, e farlo sparire di nuovo fino in fondo, stavo per esplodere nel mio orgasmo quando spense la luce…..allora, uscendo dalla mia stanza, mi diressi verso la sua e vi entrai, nel buio mi avvicinai al letto dove lei persa nella sua
manipolazione non avverti neanche la mia presenza, infilai la mano sotto le lenzuola afferrando il dildo che trovai piantato nella sua carne e lo tirai fuori dal sua fica che trovai inondata della sua sborra, essa fece per reagire, ma io
le dissi zia fai paino che i miei genitori potrebbero sentire.
Essa per paura che i miei potessero accorrere nella stanza mi lasciò fare, io mi sistemai nella classica posizione del 69 e gli schiaffai letteralmente il cazzo, che ormai era un randello di fuoco, nella bocca riempiendola sino in gola e affondai la mia bocca nella sua fica che era ormai un lago di sborra,leccandola e suggendo dal canale che allargavo con la lingua penetrando in lei, continuando quel sapiente lavoro che la faceva ansimare
Afferai il dildo e lo puntai all’imboccatura del culo e spingendo lo feci sparire in lei, che con un sospiro lo accolse per una buona metà, a quel punto avanzavo in lei il dildo piano, lo tiravo fuori per poi ripiantarlo di botto nella sua carne che si apriva sempre di più, nel contempo leccavo la sua fica che grondava e con potenti colpi affondavo il mio cazzo nella sua bocca.stava per venire quando tirai il mio cazzo dalla sua bocca, mi girai verso di lei allargandole le cosce con le braccia e la penetrai di botto, entrando nella sua carne in quel canale che avevo sognato per giorni, essa sentendosi riempita fino all’utero, ruggi in pieno delirio, passandomi le cosce dietro la schiena e abbarbicandosi a me così tanto che non riuscivo più a muovermi nel mio andirivieni, sentii la fica palpitare stringermi il cazzo come in una morsa palpitare su me e venni, i miei getti potenti le colpirono l’utero
Riempendo la sua carne così tanto che parte del mio sperma fuoriuscii da lei
Allagando le lenzuola.
Le sere successive,aspettavo che lei andasse a letto e puntualmente mi presentavo nella sua stanza, mi infilavo sotto le lenzuola e la scopavo facendola morire, godeva così tanto che persa nei suoi orgasmi scuoteva la testa a destra e sinistra..roteava le sue pupille che ogni volta che godeva lasciavano intravedere solo il bianco chiarore, perché le sue orbite andavano all’insù, insomma me la fottevo ben bene, l’utero cedeva sotto i miei colpi e sentivo la carne cedere aprirsi per accogliermi per intero, il tutto con una sborrata finale che credetemi inondava la sua pancia.
Essa ululava in continuazione ed io dovevo tapparle la bocca con la mano,per non fare arrivare i miei nella stanza.
Una sera iniziammo sempre nel solito modo, ma le avevo preparato una sorpresa, ero eccitato al massimo pensando al momento in cui le avrei piantato nella fica un dildo che avevo acquistato il giorno prima, lungo almeno 35cm e largo 10, aveva un bottone che azionato lo faceva roteare nella vulva
Massaggiando la carne in un movimento rotatorio, arrivò il momento uscii dalla sua fica slabbrata al massimo e mi sistemai nella classica posizione del sessantanove, piantandole il mio cazzone nella gola e iniziando un sapiente lavoro di lingua sul clitoride e le grandi labbra essa era in estasi e mugugnava dei siiiiiii infiniti, a quel punto pressi il dildo e con un movimento repentino lo ficcai nella sua vulva azionando il bottone,essa vibrò spalancando le cosce…feci andare il movimento al massimo ed essa inizio a ruggire, scalciare,urlare, sborrando in continuazione.
La feci morire per bene, alla fine mi disse grazie si hai fatto sentire puttana, ho desiderato la mia carne aperta sempre di più, ma forse è meglio che smettiamo non vorrei ci possano essere delle conseguenze, no mia cara zietta le risposi, tu farai tutto ciò che voglio se non vuoi che il tuo caro maritino sappia quanto sei puttana, perché vedi ho registrato tutto…
Bastardo replicò, ah si sono bastardo e allora la mia prima punizione sarà che tu sia la puttana di tre negri….ma questa e un'altra storia.

Autore:Cavallo
Email: boncoddo@hotmail.it
Regione:Sicilia
Città:Catania